Sicurezza cantieri

La normativa vigente considera la sicurezza nei cantieri edili un elemento fondamentale per tutelare i lavoratori nell'ambiente di lavoro, con indicazioni che le aziende devono rispettare per non incorrere in spiacevoli sanzioni. A tal fine, PI.ESSE di Scaglia & C. s.a.s. offre una vasta gamma di servizi a supporto delle imprese edili, come:

  • l'assunzione dell'incarico di Coordinatore in fase di progettazione (CSP) da parte di personale in possesso dei requisiti professionali per la redazione del piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) e la stesura del fascicolo tecnico (FT);
  • l'assunzione dell'incarico di Coordinatore in fase di esecuzione (CSE) per l'implementazione del piano di sicurezza durante le attività di cantiere, dal momento dell'apertura alla rimozione finale dello stesso;
  • la redazione del Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) e del cronoprogramma di Gantt per la rappresentazione grafica della sequenza delle attività, della forza lavoro e delle attrezzature necessarie;
  • l'aggiornamento costante del Fascicolo tecnico (FT), che accompagna l'opera durante tutto il suo ciclo di vita, qualora non fosse presente la figura del coordinatore;
  • la stesura del Piano operativo di sicurezza (POS) e del Piano sostitutivo di sicurezza (PSS) in conformità con le norme in corso sulla sicurezza nei cantieri edili temporanei e mobili;
  • la redazione del Piano di montaggio, uso e smontaggio (PIMUS) dei ponteggi in condizioni di sicurezza;
  • la progettazione dei ponteggi da parte di personale qualificato e in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa in corso sulla sicurezza nei cantieri.
  • Attività di coordinatore in fase di progettazione (CSP) e in fase di esecuzione (CSE)

    Nella Pi.Esse. di Scaglia & C. s.a.s. è presente personale in possesso dei requisiti professionali previsti dall'art. 98 del D.Lgs. 81/08 e s.m.o.i. sia per l’assunzione dell’incarico di Coordinatore in fase di progettazione (CSP) che per l’incarico di Coordinatore in fase di esecuzione(CSE).
    Nel caso di incarico di Coordinatore in fase di progettazione, l’incaricato provvederà ad effettuare un sopralluogo nell'area oggetto dei lavori ricadenti all'interno del Titolo IV del D.Lgs. 81/08 e s.m.o.i. ed a raccogliere tutte le informazioni necessarie ad impostare e completare il piano di sicurezza e coordinamento (PSC) che consentirà al committente di procedere nell'assegnazione di contratti e/o appalti d'opera in conformità alle disposizioni normative in vigore. Il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione provvederà inoltre all'approntamento del fascicolo tecnico (FT) dell'opera che costituirà, dopo la ultimazione dei lavori, il documento di riferimento ai fini della sicurezza per tutte le attività di manutenzione ordinaria.
    Nel caso di incarico di Coordinatore in fase di esecuzione, il soggetto incaricato riceverà dal Coordinatore in fase di progettazione (CSP) il Piano di sicurezza e coordinamento (PSC) che utilizzerà come strumento operativo nello svolgimento delle attività di cantiere dall'apertura dello stesso sino al completamento di tutte le attività di finitura e alla successiva rimozione finale del cantiere. Il Coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione dovrà valutare e validare i piani operativi presentati allo stesso dalle imprese esecutrici e/o affidatarie, provvedendo, se necessario, a integrare e/o modificare il PSC originale. Il coordinatore, per lo svolgimento dell'attività di coordinamento e vigilanza, effettuerà sopralluoghi e riunioni di coordinamento periodiche, la cui periodicità verrà stabilita in relazione alle fasi di avanzamento e al numero di aziende contemporaneamente presenti nello stesso cantiere.

  • Piani di sicurezza e coordinamento (PSC)

    Qual’ora vi fosse la necessità siamo in grado di approntare con personale qualificato ed in possesso dei requisiti di legge la stesura del documento principale per le attività (PSC) per tutte quelle attività di natura edile ricadenti nell'art. 88 e nell'allegato X del D.Lgs. 81/08 e s.m. o.i..
    La stesura del documento è preceduta dalla presa visione dei luogo delle attività e dalla valutazione stessa dei lavori da svolgersi per poter identificare le fasi elementari e la valutazione del rischio. Particolare attenzione verrà posta alle fasi di lavoro che risulteranno interferenti tra loro, per le quali dovrà essere sviluppata una specifica analisi delle interferenze con l'emissione di eventuali procedure operative.
    Allegato al PSC verrà redatto anche il cronoprogramma (Gantt) che consente di rappresentare in forma grafica la sequenza delle attività nel tempo associando a ciascuna di esse la relativa forza lavoro e le eventuali attrezzature necessarie.
    La redazione del PSC ai sensi del Titolo IV capo I del D.Lgs. 81/08 e s.m.o.i dovrà prevedere obbligatoriamente la stima dei costi della sicurezza per tutte le lavorazioni e per tutta la durata del cantiere. La stima dovrà essere congrua, analitica per voci singole, a corpo o a misura, riferita ad elenchi prezzi standard o specializzati, oppure basata su prezziari o listini ufficiali vigenti nell'area interessata. I costi della sicurezza così individuati dovranno essere compresi nell'importo totale dei lavori, ed individuano la parte del costo dell'opera da non assoggettare a ribasso nell'offerte dell'imprese esecutrici.

  • Fascicolo tecnico (FT)

    Il fascicolo predisposto per la prima volta dal CSP ed eventualmente modificato durante l'evoluzione dei lavori deve essere aggiornato del committente a seguito delle modifiche intervenute in opera nel corso della sua esistenza. Il fascicolo accompagna l'opera durante tutta la sua durata di vita.
    La Pi.Esse. di Scaglia & C. .s.a. è in grado di supportare il committente nell'aggiornamento del fascicolo quando non siano presenti le figure del coordinatore.
    La stesura del fascicolo tecnico (FT) dell'opera costituirà, dopo l'ultimazione dei lavori, il documento di riferimento ai fini della sicurezza per tutte le attività di manutenzione ordinaria.

  • Piani operativi e sostitutivi di sicurezza (POS-PSS)

    La Pi.Esse. di Scaglia & C. s.a.s. al suo interno ha personale tecnico in grado di offrire alle imprese esecutrici e/o affidatarie un servizio di stesura piano operativo di sicurezza (POS) e piano sostitutivo di sicurezza (PSS) per rispondere alle richieste della vigente normativa in materia di cantieri temporanei e mobili. Tali piani verranno redati in conformità alle disposizioni contenute nell'allegato XIV comma 3 del D.Lgs. 81/08 e s.m.o.i..

  • Piani di montaggio uso e smontaggio ponteggi (PIMUS)

    Il personale tecnico della Pi.Esse. di Scaglia & C. s.a.s è a disposizione dell'imprese per approntare la documentazione obbligatoria nel caso in cui nel cantiere oggetto dei lavori si renda necessario l'approntamento di ponteggi fissi come opera provvisionale. Oltre a provvedere alla raccolta della documentazione di supporto il soggetto che monta e smonta il ponteggio deve redigere a mezzo di persona competente il piano di montaggio, uso e smontaggio (PIMUS) in funzione della complessità del ponteggio scelto con la valutazione delle condizioni di sicurezza realizzate attraverso l'adozione di specifici sistemi utilizzati nella particolare realizzazione e in ciascuna fase di lavoro prevista.
    Il piano deve includere istruzioni e progetti particolareggiati per gli schemi speciali costituenti il ponteggio. Tale piano deve essere messo a disposizione del preposto addetto alla sorveglianza e dei lavoratori interessati. Il piano di montaggio, uso e smontaggio (PIMUS) deve avere i contenuti minimi previsti nell'allegato XXII del D.Lgs. 81/08 e s.m.o.i..